È necessario farsi amare

È necessario farsi amare

È ancora possibile per un brand crescere? Secondo Kevin Roberts, ceo mondiale dell’agenzia pubblicitaria Saatchi & Saatchi - colui che aveva teorizzato i Lovemarks ovvero la filosofia secondo la quale il successo dei brand dipende dalla loro capacità di creare un legame emotivo con i consumatori - non solo è possibile, ma anche nel 2015, un’epoca di web e tecnologia, la chiave del successo per il futuro restano la fedeltà e il fattore umano. La tecnologia non ha cambiato i consumatori ma ha innalzato le loro aspettative e reso più rapide le loro reazioni. “Le marche che vinceranno lo faranno perché sono amate. E l’amore è la forza che ispira fedeltà oltre la ragione. La tecnologia e i dati concreti ci circondano, ma più il marketing diventa robotico e mirato, più la vittoria si trova nel fattore umano. Le persone vogliono empatia, vogliono essere ispirate, vogliono amore più che mai, vogliono quello che le marche hanno sempre voluto creare. Avranno successo quei brand che sapranno trasmettere il fattore umano al tempo giusto, velocemente, su misura e al giusto costo” afferma il numero uno di Saatchi & Saatchi. In che modo si costruisce, quindi, una relazione profonda ed emotiva con i consumatori? Secondo Roberts i fattori chiave su cui i marchi devono fare leva per avere successo sono: essere di ispirazione, creare partecipazione, utilizzare un linguaggio fortemente visivo, essere veloci e puntare sull’intimità suscitando empatia. Un discorso che è valido nella comunicazione ma che lo può essere altrettanto per un brand di beauty o per un’insegna di profumeria…

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

On Air

Take your Chance